1 giugno 2016 redazione@ciociaria24.net
LETTO 1.752 VOLTE

Appassionata lettera di Carlo dalla Selva di Sora…

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera del sig. Carlo, sorano residente in località Selva di Sora.

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera del sig. Carlo, sorano residente in località Selva di Sora.

«Buongiorno a tutti, oggi (martedì ndr) è una giornata splendida. Abitando nei pressi località “La selva”, mi son detto: ”perché non fare una bella passeggiata in bici?”. Esco di casa, ma mi accorgo che non ci sono piste ciclabili nell’immediato. Poso la bici e opto per una passeggiata con il cane, ma purtroppo, ben presto, mi interrogo sull’esistenza di parchi adibiti alla convivenza dei cani, e scopro che non esistono in città.

Non mi scoraggio e decido di fare una salutare passeggiata a piedi, ma ecco l’ennesima delusione: l’intera zona non ha marciapiedi per poter condurre lunghe passeggiate senza rischiare di essere investito. Allora testardamente prendo la macchina, però al primo incrocio buco la gomma a causa di una delle tante buche che incontrate sulla strada. Sembra la storiella di un talk comico, ma invece e la triste realtà.

I nostri candidati sindaci, che discutono tanto di acqua, immondizia, oppure di posti di lavoro, perdono di vista una cosa molto importante: IL DECORO URBANO, oppure parole come ZONE RESIDENZIALI. Non è un problema solo dell’amministrazione in corso, ma di tutte quelle che l’hanno precedute. Sora non ha parchi, né marciapiedi, ne giardini pubblici, ne piste ciclabili, aree attrezzate per bambini o per gli amici cani, non ci sono panchine né luci, non ci sono strade decenti e non ci sono opere al verde, alberi, oppure segnaletica.

Quello che ci è spettato sono solo alcuni cumuli di cemento colorati di rosso, un improbabile opera di raccoglimento a San Giuliano e dei fantomatici autovelox. Ma la prima cosa importante per una città che conta circa 30.000 cittadini e restituire servizi e decori, se non altro, per le tasse pagate per decenni. Guardiamo alcune realtà con meno popolazione e confrontiamoci.

VORREI POI RICORDARE CHE IL TERRITORIO DI SORA NON È SOLO “IL FAMOSO CORSO”, OPPURE LE ZONE ATTINENTI: SORA HA UN ESTENSIONE VASTISSIMA E NON ESISTONO CITTADINI DI SERIE “B”.

Anzi, 3/4 degli introiti che vengono versati nelle Casse del comune, sono proprio derivanti dalle zone più degradate chiamate periferia di Sora, dove viviamo isolati e degradati. Non che al centro se la passino meglio, ma sicuramente si tratta di una zona che gode di più attenzione, specie quando si tratta di spendere qualche euro in virtù della campagna elettorale, come accade ad esempio stamattina in zona stazione, ove è in corso la posa in opera di alberi.

POPOLO DI SORA, SVEGLIATI, SPECIE COLORO CHE PER ANNI HANNO VISSUTO IL POSTO DI CITTADINO DI SERIE “B”. USCITE DALLA VOSTRA CASA, GUARDATE IL VOSTRO QUARTIERE O CONTRADA, E SCOPRITE DOVE STATE VIVENDO. CHIEDETE A QUESTI SEDICENTI POLITICI, DI RESTITUIRVI LA DIGNITA’ DI CITTADINO SORANO. Grazie, Carlo».

scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
Menu