14 novembre 2016 redazione@ciociaria24.net
LETTO 1.509 VOLTE

Il fiuto della Stradale di Frosinone si rivela di nuovo vincente. Ieri grande operazione sull’A1

Sembrava essere un normale viaggio domenicale di una famiglia, in realtà era un trasporto di denaro falso.
Il tutto è accaduto nel primo pomeriggio di ieri lungo l’autostrada A/1, sulla carreggiata nord pochi chilometri prima dello svincolo di Frosinone, dove la pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone ha intimato l’alt ad un’autovettura con targa spagnola a bordo della quale vi erano un uomo, una donna ed il figlio di quest’ultima di 9 anni.

Sembrava essere un normale viaggio domenicale di una famiglia, in realtà era un trasporto di denaro falso.
Il tutto è accaduto nel primo pomeriggio di ieri lungo l’autostrada A/1, sulla carreggiata nord pochi chilometri prima dello svincolo di Frosinone, dove la pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone ha intimato l’alt ad un’autovettura con targa spagnola a bordo della quale vi erano un uomo, una donna ed il figlio di quest’ultima di 9 anni.

I due campani, rispettivamente di 32 anni l’uomo e 35 anni la donna, sono stati arrestati da personale della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone perché trovati in possesso di banconote false per un totale di 70.000 euro verosimilmente provenienti da una stamperia clandestina situata nel napoletano. Ad insospettire gli agenti è stato il comportamento dei fermati che, durante il controllo, cercavano di distogliere l’attenzione degli operatori dal veicolo insistendo per riprendere il viaggio.

Una volta verificato che i due avevano numerosi precedenti si è deciso di effettuare una verifica accurata del mezzo ed infatti, all’interno di un trolley posto sul sedile posteriore, ben nascosti tra gli indumenti del bambino, vi erano tre pacchetti contenenti un ingente quantitativo di banconote da 20 euro per un totale successivamente accertato di 70.000 euro.

È stata subito accertata la falsità del denaro rinvenuto, in quanto molti biglietti da 20 euro presentavano lo stesso numero di matricola. I due venivano quindi arrestati per detenzione di banconote false. Nella mattinata di oggi ci sarà la convalida dell’arresto ed il giudizio per direttissima da parte del Tribunale di Frosinone. Il denaro sequestrato sarà consegnato alla Banca d’Italia per essere confrontati con le banconote provenienti da altri sequestri.

scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
Menu