12 novembre 2016 redazione@ciociaria24.net
LETTO 2.157 VOLTE

Migliaia di persone in arrivo a Campoli per la Fiera Nazionale del Tartufo. Si parte oggi, il programma

Anche quest’anno è tutto pronto e Campoli Appennino è in fermento per l’8ª Fiera Nazionale del tartufo bianco & nero pregiato. Per farvi solleticare il palato dal tubero più amato, le date da segnare in agenda sono 12, 13, 19 e 20 novembre. L’inaugurazione della manifestazione è fissata per sabato 12 alle 15:00: da quel momento le migliaia di visitatori, che puntualmente arrivano per l’occasione, potranno godersi la festa organizzata dal delizioso paese ciociaro per il frutto prelibato della sua terra.

Anche quest’anno è tutto pronto e Campoli Appennino è in fermento per l’8ª Fiera Nazionale del tartufo bianco & nero pregiato. Per farvi solleticare il palato dal tubero più amato, le date da segnare in agenda sono 12, 13, 19 e 20 novembre. L’inaugurazione della manifestazione è fissata per sabato 12 alle 15:00: da quel momento le migliaia di visitatori, che puntualmente arrivano per l’occasione, potranno godersi la festa organizzata dal delizioso paese ciociaro per il frutto prelibato della sua terra.

La Fiera prevede un variegato programma diluito nei quattro giorni. Il tartufo avrà il suo posto d’onore sui banchi allestiti nella magnifica Piazza Umberto I e tutte le vie centrali del borgo saranno affollate di prodotti enogastronomici, di artigianato ed oggettistica. Finito qui? Certamente no. Si potrà assitere anche alla gara dimostrativa dei cani da tartufo ed agli Show Cooking dell’Ass.Cuochi di Frosinone. E siccome si tratta di una festa, non mancheranno spettacoli di musica popolare, animazione per bambini e la presentazione del libro “Alzati” di Nicole Lucaroni.

Ma Campoli è anche natura, storia e bellezza, e allora si potranno conoscere, con visite guidate, Jill e Abele, due esemplari di orso bruno che vivono nella fantastica Area Faunistica all’interno della dolina carsica su cui sorge il paese, unica in Europa. Oppure, visitare dall’interno la Torre medievale, simbolo di Campoli e punto strategico per panorami mozzafiato.

La sensibilità campolese per la promozione del tartufo ha una storia trentennale, con forti radici nella consapevolezza del suo grande valore e nella necessità di un rapporto intelligente con la natura e il suo corso. È per questo che, oltre alla festa e alle degustazioni, troveranno spazio due importanti convegni: il primo, “…verso il marchio collettivo geografico del tartufo di Campoli Appennino”, alla presenza di Daniela Bianchi, Cons. Reg. del Lazio, e Carlo Hausmann, Ass. all’Agricoltura della Regione Lazio; il secondo incontro, invece, sarà con i medici della clinica veterinaria Konrad Lorenz di Isola del Liri su “Il benessere del cane”, fedele amico, compagno insostituibile e prezioso nella ricerca dei tartufi.

I colori dell’autunno di Campoli Appennino, dunque, saranno non solo quelli magnifici degli alberi che perdono le foglie, ma anche quelli di un incantevole paese che abbraccia i visitatori con l’entusiasmo di una festa imperdibie. Non resta che andare, dunque.

scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
Menu