giovedì 10 agosto 2017 redazione@ciociaria24.net

Monica, questa notte cercheremo il tuo splendido sorriso tra le stelle. Veglia sui tuoi due piccoli uomini

Ha lottato con tutte le sue forze. Ora guiderà dal cielo i suoi due ragazzi di 16 e 13 anni.

«Vola ormai libera nell’immensità del cielo e sorridi sempre come solo tu sapevi fare. Affida i tuoi sogni all’eternità del tempo, da lassù trasmetti a noi tutti quella caparbia forza che solo tu sapevi gestire! Sorridici Monica, sorridi a noi tutti e aiutaci a capire, tu saprai farlo! Grazie per aver fatto parte della nostra vita! Abbi cura di te e urla all’universo intero chi era Monica. GRANDE DONNA, MAMMA, AMICA, SORELLA, FIGLIA, MOGLIE. Possa Dio aver pietà di noi! Arrivederci cara Monica».

Questo bellissimo post pubblicato sul profilo Facebook di Monica Tomassi, commessa 46enne di Cassino deceduta due giorni fa all’ospedale di Sora, dopo aver lottato con tutte le sue forze contro un male che non le ha lasciato scampo, rende pienamente l’idea sullo spessore della persona che è venuta a mancare.

Nella foto di copertina, la vediamo risplendere di bellezza esteriore. In quella del profilo, invece, notiamo i segni della sua sofferenza, che non ha voluto nascondere né camuffare. C’è una cosa, però, che rende le due immagini ugualmente belle: il sorriso, inconfondibile rappresentazione fisica dell’anima di una persona.

Scorrendo le altre foto dello spazio social di Monica, madre di due figli di 16 e 13 anni, Nicolò e Samuele, troviamo quasi esclusivamente sorrisi. La pagina di questa sfortunata donna è un inno alla vita, nel bene e soprattutto nel male.

Osservando il coraggio con cui ha affrontato la sua malattia, ci si rende conto che non può essere tutto qui e che Monica continuerà sicuramente a vivere. Lo farà soprattutto nei suoi due piccoli uomini, guidandoli nella delicata età dell’adolescenza verso le scelte più giuste, nonostante la mancanza della sua presenza fisica, dei baci e degli abbracci che solo una mamma sa dare.

E i familiari, gli amici, i colleghi del supermercato di via Casilina che ne conserveranno il ricordo nel cuore, la troveranno alzando semplicemente gli occhi al cielo. A cominciare proprio da questa sera, notte di San Lorenzo, come scrive Michela: «Se vedrò una stella, saprò che sei tu che mi saluti».

Ordina per:   più recenti | più vecchi | più votati

R.I.P. Condoglianze alla Famiglia

Rip in pace.

RIP

R.i.p.

R.I.P. amen

…Riposa in pace…

R.I.P.

R.I.P

R.I.P.

r.i.p.

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
torna a ferentino24