30 marzo 2017 redazione@ciociaria24.net
LETTO 2.386 VOLTE

Omicidio Morganti: richiesta apertura pratica su giudice che scarcerò Castagnacci

Pierantonio Zanettin, membro laico del CSM, ha chiesto «ha chiesto, con un documento depositato questa mattina, di aprire una pratica in Prima Commissione per valutare se sussistano i presupposti per un trasferimento d’ufficio per incompatibilità nei confronti del giudice del Tribunale di Roma».

Pierantonio Zanettin, membro laico del CSM, ha chiesto «ha chiesto, con un documento depositato questa mattina, di aprire una pratica in Prima Commissione per valutare se sussistano i presupposti per un trasferimento d’ufficio per incompatibilità nei confronti del giudice del Tribunale di Roma».

La notizia è riportata da www.ilgiornale.it. Alla base dell’azione, la volontà da parte di Zanettin è la verifica della correttezza dell’iter che ha portato alla scarcerazione di Mario Castagnacci, 27enne di accusato dell’omicidio di Emanuele Morganti e attualmente rinchiuso in isolamento nel carcere di Regina Coeli a Roma.

Giovedì scorso – continua il Giornale – lo stesso Castagnacci era stato arrestato «perché trovato in possesso di ingenti quantitativi di droga, divisi in dosi già pronte per essere spacciate: 300 dosi di cocaina, 150 di crack e 600 di hashish». Il giorno successivo, dopo esser stato scarcerato, è tornato ad Alatri, poche ore prima del tragico pestaggio del 20enne di Tecchiena.

scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App

wpDiscuz
Menu