mercoledì 9 agosto 2017 redazione@ciociaria24.net
649 VISITE
MESSAGGIO PUBBLICITARIO

“Poedanzando”: magica serata d’arte con “Danzapiù Sora” e “La Valigia di Prospero” al Cavalier d’Arpino

La complicità della Luna e la piacevole frescura degli alberi secolari hanno contribuito a rendere indimenticabile la serata.

Giovedì scorso, nel secolare Parco dell’Hotel Cavalier d’Arpino, situato nella Città di Cicerone, si è svolto lo spettacolo “Poedanzando, Dialogo tra Poesia e Danza”. Nato da un’idea di Anna Maria Tollis, Direttrice dell’Ass. Danzapiù di Sora, in collaborazione con Piergiorgio Sperduti, Direttore della Scuola di Teatro d’Arte “La Valigia di Prospero”, e i signori Sonia e Rodolfo Schiavo, “Poedanzando” ha trovato nel verde parco una location d’eccezione che ha reso davvero magica la serata.

Le giovanissime allieve della prestigiosa scuola di danza diretta da Anna Maria Tollis hanno dato ritmo ai passi di danza ed alle parole, esibendosi con sicura leggiadria, insieme ai giovani solisti Francesca Rizzato, Ginevra Gerardi, Elisa Raggi, Serena Delli Castaldi, che hanno dato prova di sensibilità artistica.

Il giocoliere delle parole, Piergiorgio Sperduti, e Anna Maria Tollis, con le sue originali coreografie, assistita da Azzurra Cianfarani, hanno accompagnato lo spettatore da una suggestione all’altra: dalla Napoli del ‘700 alle atmosfere romantiche ispirate alle ninfee di Monet e le ballerine di Degas, fino all’affascinante passo a due eseguito magistralmente da Bruna Pagliaroli e Fulvio Maiorani, per finire con l’effervescente mondo del Moulin Rouge e le ballerine di can can.

La complicità della Luna e la piacevole frescura degli alberi secolari hanno contribuito a rendere indimenticabile la serata. Lo spettacolo, particolarmente apprezzato dal partecipe e numeroso pubblico ha visto la presenza dell’Ing. Andrea Chietini, delegato al Turismo del Comune di Arpino, dell’Ing. Gianluca Quadrini, Consigliere Provinciale e Presidente della Comunità Montana “Valle del Liri”, e del dott. Giuseppe Patrizi.

Un ringraziamento al Comune di Arpino e, in particolare, a Sonia e Rodolfo Schiavo, titolari del Cavalier d’Arpino, che con sensibilità danno anima a una location davvero unica nella nostra provincia.