8 giugno 2016 redazione@ciociaria24.net
LETTO 404 VOLTE

Sora: i bambini dell’Istituto Santa Giovanna Antida sulla rotta di Ulisse

Gli alunni dell’Istituto Santa Giovanna Antida, scuola dell’infanzia e primaria, “approdano” in due diverse rappresentazioni alla conclusione di un unico viaggio: “Il Viaggio di Ulisse, metafora della vita”, progetto scelto per quest’anno scolastico. Al centro dell’avventura c’è la conoscenza dell’ “Odissea” di Omero, opera letteraria per eccellenza dedicata al tema del viaggio nei suoi significati concreti e simbolici, con Ulisse protagonista dell’incredibile storia incentrata sul viaggio di ritorno dalla guerra di Troia a Itaca, patria abbandonata e ritrovata insieme all’amata moglie Penelope e al figlio Telemaco.

Gli alunni dell’Istituto Santa Giovanna Antida, scuola dell’infanzia e primaria, “approdano” in due diverse rappresentazioni alla conclusione di un unico viaggio: “Il Viaggio di Ulisse, metafora della vita”, progetto scelto per quest’anno scolastico. Al centro dell’avventura c’è la conoscenza dell’ “Odissea” di Omero, opera letteraria per eccellenza dedicata al tema del viaggio nei suoi significati concreti e simbolici, con Ulisse protagonista dell’incredibile storia incentrata sul viaggio di ritorno dalla guerra di Troia a Itaca, patria abbandonata e ritrovata insieme all’amata moglie Penelope e al figlio Telemaco.

Pagina dopo pagina, sui versi di Omero, anche i nostri bambini hanno sperimentato e conosciuto, appassionandosi alle avventure vissute da Ulisse, amando il suo mondo popolato da personaggi inverosimili come “Polifemo”, vivendo gli incantesimi della”Maga Circe” e scampando ai sortilegi delle “Sirene” ammaliatrici e alle tentazioni minacciose di Calipsco. Al centro di tutto è stato posto “ il viaggio”, non solo come meta ma anche come superamento di pericoli, prove, ostacoli, voglia di conoscenza, ricerca del nuovo, sfida al confronto, abilità di relazionarsi con il “diverso” da noi, capacità di adattamento a situazioni imprevedibili.

“Ulisse” è una figura mitlogica che si avvicina all’uomo di ogni tempo: tenacia, astuzia, eroismo, coraggio, gusto del rischio e dell’avventura lo accompagnano in ogni momento. Il viaggio intrapreso con i bambini è stato caratterizzato da piccoli passi verso la scoperta di sé stessi, delle proprie emozioni, del rapporto con gli altri, con l’ambiente e con le regole. Un viaggio con cui i responsabili del progetto hanno aiutato i piccoli a superare i limiti di ciò che non si conosce, per poi tornare ad un mondo fatto di valori, di principi fondamentali come la famiglia, il porto più sicuro dove approdare, sempre. I bambini, dal canto loro, hanno dato vita a spettacoli meravigliosi interpretando i vari personaggi, drammatizzando le varie scene, cantando, mettendo cuore ed entusiasmo.

Scriveva Cesare Pavese: “Quale mondo giaccia al di là di questo mare non so, ma ogni mare ha un’altra riva e arriverò”. Questo è ciò che, noi insegnanti, insieme alla coordinatrice, auguriamo ai nostri bambini: un viaggio nella vita pieno di curiosità, di conoscenza e di belle emozioni, che li conduca ad approdare ad ogni riva. La coordinatrice dell’Istituto Santa Giovanna Antida, Clelia Zaccardelli ringrazia i bambini per tutto l’impegno e l’amore dimostrato per la riuscita del progetto. Doverosi ringraziamenti vanno anche al suo team, per aver condotto i piccoli allievi in questo meraviglioso viaggio, e alla Dirigente del “Liceo PsicopedagogicoV Gioberti”, dott.ssa Clelia Giona, per l’ ospitalità e la disponibilità.

Maria Giuseppina Bianchi e Fabiana Fabrizio

scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
Menu