POLITICA

“Cancer Policy Award”: Loreto Marcelli premiato per il 2° anno consecutivo

I complimenti del gruppo consiliare pentastellato alla Pisana. Il Consigliere Regionale di Sora è stato premiato "per il suo impulso e per il pervasivo sforzo istituzionale per i pazienti oncologici in difficoltà economiche".

“I nostri complimenti a , unico consigliere della ad aver ricevuto oggi il premio nazionale ‘Cancer Policy Award’, un riconoscimento assegnatogli, per il secondo anno consecutivo, nell’ambito del progetto “La Salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, promosso e coordinato da Salute Donna onlus con la collaborazione di altre 33 associazioni, impegnate nella segnalazione dei bisogni dei pazienti oncologici e onco-ematologici.

E’ per noi motivo di orgoglio l’assegnazione di questo premio ad un consigliere del Movimento 5 Stelle, ‘per il suo impulso e per il pervasivo sforzo istituzionale per i pazienti oncologici in difficoltà economiche’, assieme al quale abbiamo proposto e fatto approvare nel Consiglio Regionale del Lazio misure fondamentali a sostegno dei malati di cancro e delle relative famiglie, quale l’istituzione, il finanziamento e l’estensione di un Fondo regionale ad hoc per i pazienti oncologici”.

Così in una nota il Gruppo Consiliare M5S alla Regione Lazio.

“Sono sinceramente lusingato – ha dichiarato Marcelli – per questo riconoscimento che, già lo scorso anno mi aveva riempito di orgoglio soprattutto perché mi viene assegnato da associazioni di cittadini. Quest’anno il Covid 19 è stato purtroppo il male da combattere ma certamente non abbiamo dimenticato le altre emergenze sanitarie e il cancro continua ad essere un’emergenza”.

“La pandemia ha messo in luce un sistema sanitario per moltissimi aspetti carente e sul quale i tagli degli anni passati hanno influito notevolmente – ha continuato il consigliere M5S – Lottare affinché l’efficienza e la funzionalità siano le peculiarità di questo settore è un atto dovuto ed è ciò che motiva ogni mia azione anche in qualità di vice presidente della Commissione Sanità della Regione Lazio. Questo vuol dire aggiornare le strumentazioni, rendere più accessibili gli esami diretti alla prevenzione, implementare i fondi a sostegno dei malati oncologici o del Registro tumori. E vuol dire anche dare sostegno non solo ai malati di cancro, ma anche ai familiari perché tutti loro combattono, con paure di diversa natura”.

“Le istituzioni devono essere presenti e attente e prestare attenzione vuol dire per esempio assicurare la gratuità del test genetico BRCA, esame fondamentale per l’individuazione della predisposizione genetica allo sviluppo dei tumori al seno e all’ovaio, investire nella ricerca, nelle cure e nella prevenzione che è ancora più determinante. Il riconoscimento che ho ricevuto oggi mi rende orgoglioso e senza retorica lo dedico ai tanti dottori, ai ricercatori, alle persone malate e i loro famigliari che lottano quotidianamente con il cancro. Dal canto mio ho fatto solo il mio dovere, un dovere che sono onorato di poter continuare a svolgere”, ha concluso Marcelli. 

Back to top button