CRONACA

Infortunio in montagna: 13enne soccorso dal CNSAS ed elitrasportato a Gemelli

Il secondo e il terzo entrambi in provincia di Frosinone, nel territorio del comune di Supino, nei pressi della località piana Santa Serena a circa 1000 metri d'altitudine.

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico () del Lazio è intervenuto nel territorio del Lazio per tre distinti interventi di soccorso nella giornata odierna, 21 giugno, prima domenica d’estate.

Il primo, nella tarda mattinata, presso la Forra di Riancoli in provincia di Rieti. Ad infortunarsi alla caviglia un ragazzo di 13 anni impegnato in un’escursione di gruppo. Sul posto è giunta l’eliambulanza del 118 della Regione Lazio con a bordo il tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino che – individuato un punto libero dalla vegetazione – si è calato sul posto. Una volta raggiunto il ferito e dopo aver ricevuto le primissime cure sul posto, il ragazzo è stato caricato a bordo dell’elicottero tramite verricello ed elitrasportato al Policlinico Gemelli di Roma.

Il secondo e il terzo entrambi in provincia di Frosinone, nel territorio del comune di Supino, nei pressi della località piana Santa Serena a circa 1000 metri d’altitudine. Gli uomini del Soccorso Alpino della stazione di Collepardo sono intervenuti per raggiungere due coppie disperse dopo aver perso il sentiero. Le due coppie disperse erano casualmente molto vicine, per queste dopo una breve ricerca sono state recuperate simultaneamente e – sotto un violento nubifragio – ricondotte alle loro autovetture. La prima coppia originaria di Priverno (Latina), la seconda di Roma. Alle operazioni di recupero hanno partecipato anche i militari dell’Arma dei Carabinieri e i Vigili del Fuoco.

Il Soccorso Alpino e Speleologico, con l’avvento della stagione estiva e in occasione dell’evento nazionale Sicuri sul Sentiero che si è tenuto ieri a Cortina d’Ampezzo in diretta dal Rifugio Scoiattoli, raccomanda prudenza a tutti gli appassionati nel compiere attività escursionistiche in ambiente di media e alta montagna. Un’attenta pianificazione dell’itinerario, un equipaggiamento adeguato al tipo di attività da compiere e la giusta valutazione delle proprie capacità e competenze sono elementi imprescindibili per vivere in piena sicurezza le montagne del nostro territorio.

segui »

Ti potrebbe interessare

Back to top button
Close