mercoledì 23 Novembre 2016

ISOLA DEL LIRI – Tigli viale Piscicelli e non solo: nuovo affondo di Di Pucchio, Tomaselli e Mancini

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma del Gruppo Cons. Progetto Comune nelle persone di Antonella Di Pucchio, Mauro Tomaselli e Angela Mancini.

«Il consiglio comunale del 22 Novembre 20016, ha discusso fra gli altri punti all’ordine del giorno la mozione presentata dai consiglieri di minoranza del Gruppo “Progetto Comune” circa il taglio degli alberi dello storico Viale. La mozione era estremamente dettagliata sotto i profilo legislativo e oltre a mettere in luce l’atto arrogante con cui la maggioranza ha tagliato alberi secolari, era tesa a chiedere informazioni per quanto riguarda quello che gli attuali amministratori intendono fare a seguito della deturpazione del Viale. Dalla maggioranza nessuna risposta.

Lo scorso anno furono abbattuti tre tigli senza alcuna relazione di un agronomo, avrebbero dovuto già provvedere alla loro sostituzione. Quest’anno gli attuali amministratori hanno fatto abbattere ben nove tigli mentre dalla relazione di uno dei due periti da loro incaricati , emerge chiaramente che i tigli eventualmente da abbattere erano soltanto tre. In totale quindi Quadrini e la sua squadra, hanno fatto tagliare ben 12 tigli, di cui 9 assolutamente sani.

Hanno coperto l’abbattimento dei tigli con motivazioni di pubblica incolumità di fatto inesistenti.
Non dicono oggi cosa intendono fare per cercare di riparare al gravissimo danno compiuto in uno dei luoghi storici più belli e suggestivi della città. Parimenti per quanto riguarda il sito archeologico della Lefebvre l’ineffabile Lucio Marziale ha cambiato opinione. Non più Museo della Civiltà della Carta ma sito da tenere così com’è. La Lefebvre può anche crollare, a lui non importa affatto, tutto può rimanere esattamente così com’è oggi e cioè in stato di completo abbandono.

L’Assessore Marziale concede alla Lefebvre un leggero trucco di abbellimento ma nulla di più. Sembra che l’antico sito sia di sua proprietà, più che della collettività. Quindi nessun investimento o richiesta di finanziamenti per garantire alla Lefebvre di non fare la fine di Pompei che, come purtroppo si sa, cade letteralmente a pezzi.
Tagliano alberi INTEGRI SECOLARI, condannano la Lefebvre a sicuro degrado, aumentano le tasse, non sanno rispondere circa l’adeguamento sismico delle scuole, hanno ingombrato il secondo piano dell’edificio della Mazzini che ha standard di sicurezza fra i più adeguati e invece hanno riempito la Dante Alighieri che risulta essere il decimo edificio scolastico fra i più pericolosi, come accertato dalla regione Lazio!!! Questo è il modo in cui amministrano Quadrini, Marziale e Caringi, un modo arrogante e prepotente di amministrare che umilia la nostra città».

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a info@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

La nuova promozione in vigore dal 3 al 20 Ottobre 2019.