SALUTE

Per la prima volta, allo Spaziani, impiantato un filtro cavale con un approccio transgiugulare

Innovativo intervento presso l'Ospedale di Frosinone.

Due giorni fa – per la prima volta nella ASL di Frosinone – presso il Presidio “Spaziani” è stato impiantato un filtro cavale con un approccio transgiugulare. L’intervento, perfettamente riuscito, è stato eseguito su un paziente di 50 anni, che dopo solo 24 ore è stato dimesso ed è tornato a casa. E’ in buone condizione e dovrà seguire un breve periodo di riposo.

Si è trattato di un approccio di chirurgia vascolare mininvasiva, realizzato mediante la Radiologia Interventistica che, adottata come scelta innovativa dal Management aziendale, non solo ha ampliato ed innalzato il livello e la quantità di prestazioni offerte dal sistema di cure del-la ASL, ma permette di ridurre il “gap” di prestazioni con altri ospedali, evitando trasferimenti rischiosi ed urgenti in altre strutture.

La procedura seguita si utilizza quando è necessario prevenire l’embolia polmonare, spesso letale, in pazienti con trombosi venosa profonda (TVP) recidivante. Grazie al filtro il sangue viene filtrato e si bloccano quei trombi che, se lasciati liberi, fi-nirebbero inevitabilmente per giungere al circolo venoso polmonare, bloccando il sangue da os-sigenare e provocando così una morte improvvisa. L’innovativo intervento è stato eseguito dal Dott. Sergio Santangeli della UOC Chirurgia del Presidio Ospedaliero “Fabrizio Spaziani” di Frosinone.

segui »

Ti potrebbe interessare

Back to top button
Close