NOTIZIE

Carceri Lazio: continua la protesta. Prossima tappa sarà presidio presso Prefetture

Le rivendicazioni alla base della protesta.

Le OO.SS. regionali Lazio della Polizia Penitenziaria in data odierna (ieri ndr) hanno effettuato vari presidi nei capoluoghi della regione e considerato che non ci sono stati ad oggi interventi risolutivi delle questioni evidenziate dichiarano che continueranno lo stato di agitazione.

Le rivendicazioni alla base della protesta, considerato la carenza di personale nella regione di 900 unità su 3700 previste e un sovraffollamento di oltre 6500 detenuti rispetto ai 4800 posti disponibili che necessitano di urgenti misure a sostegno della sicurezza nei servizi, interventi che non possono più essere ignorati e sono:

  • Immediata apertura al limite previsto del monte ore straordinario, fissato dal Gusweb, da 41 ore a 60 ore visto lo stato di emergenza delle Carceri laziali, imposto dal PRAP LAM in modo unilaterale;
  • Inosservanza delle norme e dei regolamenti in tema di organizzazione del lavoro pianificazione dei servizi e delle corrette relazioni sindacali.

Per questi motivi si rinnovano le seguenti procedure quali:

  • Interruzione immediata di tutte le trattative Sindacali nella regione Lazio.
  • Sospensione degli interpelli per il Prap.
  • Diffida alle Direzioni di assumere ogni decisione unilaterale, comprese quelle attinenti al piano ferie estivo 2024 del personale di Polizia Penitenziaria.
  • Auspichiamo urgenti interventi per scorrimento delle graduatorie per gli Istituti laziali e sedi extramoenia, collegati alla mobilità nazionale 2023 da parte del D.A.P.

Prossima tappa sarà mediante specifici presidi presso le varie prefetture della regione.

SAPPE – OSAPP – UIL PA – USPP – FNS CISL – CNPP
SOMMA – PROIETTI – RIGGI – NICASTRINI – COSTANTINO – MEROLA

AUTO IN PROMOZIONE

Le offerte del Gruppo Jolly Automobili

Scopri tutte le promozioni di questo mese o clicca qui per le auto usate e km 0 o clicca qui per il noleggio a lungo termine.

Back to top button