CRONACA

I Carabinieri arrestano 32enne pluripregiudicato con l’accusa di “furto aggravato”

I militari sono intervenuti a seguito di una telefonata giunta al 112 da un centro estetico di Frosinone.

«Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio coordinati dal Comando Compagnia, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati predatori, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di furto aggravato, un 32enne residente nel capoluogo, pluripregiudicato per reati specifici e in materia di stupefacenti.

Gli operanti – come riportato nella nota stampa divulgata dal Comando Provinciale di – a seguito di una telefonata pervenuta al numero di emergenza 112 dalla proprietaria di un centro estetico del capoluogo, la quale segnalava l’attivazione dell’allarme antifurto presso la sua attività, si recavano nei pressi del citato esercizio commerciale intercettando il giovane che, alla vista dei militari, tentava di darsi alla fuga.

Prontamente bloccato e sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di una somma di denaro contante precedentemente asportato dalla cassa del citato negozio. Ulteriore riscontro veniva fornito dalla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza interna.

Le banconote sono state restituite all’avente diritto mentre l’arrestato, dopo le formalità di rito, su disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura di Frosinone, è stato dapprima trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di e in seguito condotto dinanzi al Tribunale di Frosinone per la celebrazione del rito direttissimo, che si è concluso con la convalida dell’arresto e la condanna in primo grado ad anni 1 e mesi 4 di reclusione, con pena sospesa. Per il principio della “presunzione di innocenza” le responsabilità dell’indagato verranno stabilite solo con sentenza definitiva o decreto penale di condanna irrevocabili».

Back to top button