NOTIZIE

“PREMIO ROMA EVO”: trionfano le aziende della federazione regionale con i migliori olii extravergine

Incetta di premi per le aziende olivicole della federazione regionale di Coldiretti al XXXI Concorso regionale per i migliori olii extravergine di oliva del Lazio “Premio Roma Evo”

La premiazione si è svolta nella Sala del Tempio di Vibia Sabina e Adriano della Camera di commercio di Roma, che ha promosso il concorso, attraverso Sviluppo e Territorio, Azienda Speciale per lo sviluppo e la crescita di Roma e della regione Lazio, con il supporto tecnico-scientifico di Agro Camera, in collaborazione con la Regione Lazio, le associazioni di categoria di settore, tra le quali Coldiretti Lazio e le altre Camere di commercio della regione.

A moderare il dibattito, Pietro Abate, segretario generale della Camera di commercio di Roma, tra i relatori Lorenzo Tagliavanti, presidente della Camera di commercio di Roma e David Granieri, componente di Giunta dell’ente camerale per il settore Agricoltura, presidente di Coldiretti Lazio e Unaprol. Con loro anche l’assessore all’Agricoltura e Bilancio, Giancarlo Righini e il giornalista enogastronomico Antonio Paolini. Ospite anche il regista e attore Ricky Tognazzi.

«L’olivicoltura nel Lazio – ha spiegato Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma – ricopre, da sempre, un ruolo strategico nel panorama agroalimentare e la sua importanza, che coinvolge tutte le province della regione, è ben spiegata anche dai numeri: circa 83.000 ettari di superficie olivetata, ben 127.865 aziende complessivamente coinvolte nella filiera e 319 frantoi attivi. Non solo. Il riconoscimento di una quinta denominazione, l’Olio di Roma IGP, è un’ulteriore testimonianza della dinamicità e della qualità produttiva delle nostre imprese. Una qualità che viene riconosciuta anche al di fuori dei confini regionali».

Una stagione segnata da un considerevole calo del raccolto e di produzione di olio nel Lazio, ma la selezione si conferma come una importante certezza per le imprese, facendo registrare la partecipazione di 37 aziende per un totale di 46 etichette, con la seguente partecipazione territoriale: Latina 17, Viterbo 12, Roma 11, Rieti 6. Ben 22 aziende hanno manifestato interesse a partecipare al concorso nazionale “Ercole Olivario” con 37 oli. Oltre alla categoria extravergine di oliva dunque, sono in concorso le 5 denominazioni regionali: Sabina DOP, Canino DOP, Tuscia DOP, Colline Pontine DOP e Olio di Roma IGP.

I premi sono attribuiti ai primi due classificati per ognuna delle categorie in concorso (DOP-IGP ed extravergine) che si articolano, sulla base del fruttato, in leggero, medio e intenso. I vincitori sono stati selezionati, attraverso specifiche sessioni di assaggio, da una Commissione esaminatrice composta da degustatori professionisti individuati, tra l’altro, in base all’anzianità di iscrizione nell’Albo ufficiale degli assaggiatori e all’esperienza specifica di sedute di assaggio degli oli regionali.

«È necessario puntare decisamente sulla qualità dei prodotti – afferma David Granieri, componente di Giunta della Camera di Commercio di Roma per il settore Agricoltura – perché il mercato internazionale è pronto per un made in Italy distintivo e di identità. Per questa ragione dobbiamo usare bene i marchi di qualità europei e dare al consumatore la certezza della migliore qualità di quello che compra».  Al dibattito è intervenuta anche la delegata regionale di Coldiretti Giovani Impresa Lazio, Camilla Petrucci, olivicoltrice e Delegata nazionale dell’olivicoltura dal Consiglio Nazionale del Giovani.

Tra i vincitori della XXXI edizione del Concorso a trionfare tra le aziende agricole di Coldiretti Lazio troviamo “Casino Re” di Sonnino a Latina con l’etichetta “Casa Rossa”, che si è aggiudicata il secondo posto nella categoria Extravergine “Fruttato leggero”, mentre in quella “Fruttato Medio” al primo posto troviamo “Cantina Sant’Andrea” di Terracina a Latina con l’omonima etichetta. Menzione speciale per “Op Latium” di Palombara Sabina a Roma con “Oleum Nostrum”. Primo e secondo posto nella categoria Extravergine “Fruttato intenso” per le aziende agricole di Latina, “Cosmo di Russo” a Gaeta con “Verdemare” e “Alfredo Cetrone” a Sonnino con “Cetrone In”. Menzione speciale per il “Frantoio Cioccolini” di Viganello a Viterbo con “Monocultivar Caninese”.

Si aggiudicano il primo e secondo posto della categoria Sabina Dop “Fruttato leggero” anche le aziende agricole “DueNoveSei” di Moricone con l’etichetta “Sabina Dop” e “Silvi Sabina Sapori” di Palombara Sabina con “Etichetta Nera”, mentre per la categoria Sabina Dop “Fruttato Medio” troviamo il “Frantoio Oleario Fratelli Narducci” s.r.l. di Moricone a Roma con “Riserva Sabina Dop” e la società agricola “Colle Difesa” s.s. di Palombara Sabina con “Colle Difesa Sabina Dop”.

Primo e secondo posto anche per la categoria Canino Dop “Fruttato Leggero” per “Olivicola di Canino” Società Agricola Cooperativa a.r.l. con “Dop Canino” e per l’azienda agricola “Laura De Parri” con “Cerrosughero”.

Secondo posto per l’azienda agricola “Etruscan Kantharos” di Gelsomini Flavia nella categoria Canino Dop “Fruttato medio” con “Dop Canino”, mentre a trionfare nella categoria Canino Dop “Fruttato intenso” è “Oleificio Sociale Cooperativa di Canino S.C.A.”.

Ad aggiudicarsi il secondo posto nella categoria Tuscia Dop “Fruttato leggero” è l’azienda agricola “Sciuga s.s.” Montefiascone di Viterbo con “Il Molino Tuscia Dop”.

Sul podio della categoria Colline pontine Dop “Fruttato intenso” l’azienda agricola “Alfredo Cetrone” di Sonnino a Latina con “Cetrone Colline Pontine Dop”. Menzione speciale per l’azienda agricola “Cosmo di Russo” di Gaeta con l’etichetta “Don Pasquale”.

Secondo posto per la categoria Olio di Roma Igp “Fruttato medio” per il “Consorzio Unico” di Palombara Sabina di Roma con “Olio di Roma Igp”.

Trionfa come “Miglior Olio Monovarietale” il “Verdemare” dell’azienda agricola “Cosmo di Russo” di Gaeta, che si aggiudica anche il premio “Miglior olio ad alto tenore di polifenoli e tocoferoli”.

“Miglior confezionamento “Premio Zelinotti” all’azienda agricola “Laura De Parri” di Canino a Viterbo con “Cerrosughero”, che si aggiudica anche il Premio “Impresa Femminile”.

Saranno 15 le etichette del Lazio che approderanno alla selezione finale dell’Ercole Olivario: un risultato importante che colloca il Lazio al primo posto tra le 17 regioni italiane partecipanti. Di queste sono le aziende di Coldiretti Lazio per le categorie “Dop” ed “Extra vergine”. In quest’ultima troviamo da Latina “Cantina Sant’Andrea” di Terracina con l’omonima etichetta, l’azienda agricola “Cosmo di Russo” di Gaeta con “Verdemare” e l’azienda Alfredo Cetrone di Sonnino con “Cetrone In”, mentre da Viterbo parteciperanno il “Frantoio Cioccolini” di Vignanello con la “Monocultivar Caninese”.

Troviamo nella categoria “Dop” il “Frantoio Oleario dei fratelli Narducci” s.r.l. di Moricone con “Riserva Sabina Dop”, Olivicola di Canino società agricola Cooperativa a.r.l. di Canino con “Dop Canino”, l’azienda agricola Sciuga s.s. di Montefiascone a Viterbo con “Il Molino Tuscia Dop”, l’azienda agricola “Alfredo Cetrone” di Sonnino a Latina con “Cetrone Colline Pontine Dop” e l’azienda agricola “Cosmo di Russo” di Gaeta a Latina con “Don Pasquale”.

AUTO IN PROMOZIONE

Le offerte del Gruppo Jolly Automobili

Scopri tutte le promozioni di questo mese o clicca qui per le auto usate e km 0 o clicca qui per il noleggio a lungo termine.

Back to top button