CRONACA

Boville Ernica: i primi 100 anni di Ersilia Luffarelli. Auguri!

È nata a Boville Ernica il 5 aprile 1922. Ieri il sindaco Enzo Perciballi le ha portato gli auguri in rappresentanza dell’Amministrazione comunale e di tutto il paese e la ha omaggiata con una pergamena ricordo facendole anche indossare la fascia tricolore

Maria Liberata Ersilia Luffarelli compie cento anni: è nata a Boville Ernica il 5 aprile del 1922. Ieri il sindaco Enzo Perciballi le ha portato gli auguri in rappresentanza dell’Amministrazione comunale e di tutto il paese e la ha omaggiata con una pergamena ricordo facendole anche indossare la fascia tricolore Maria Liberata Ersilia Luffarelli compie cento anni: è nata a Boville Ernica il 5 aprile del 1922. Oggi nella sua abitazione ha ricevuto la visita del sindaco Enzo Perciballi che le ha portato gli auguri di tutto il paese e dell’intera Amministrazione comunale.

Poi, alla presenza dei figli e di altri parenti, il primo cittadino le ha consegnato una pergamena preparata dall’Amministrazione a ricordo del bellissimo evento e le ha fatto indossare la fascia tricolore. Ersilia, così da sempre la chiamano i suoi familiari, ancora molto lucida e scherzosa, ha letto ad alta voce il messaggio. Poi ha ringraziato e ha raccontato un po’ della sua vita.

Si è sposata con Sebastiano Bietoni praticamente giovanissima. «Era il giorno di San Rocco, – ha detto Ersilia parlando del suo matrimonio – ci siamo sposati nella chiesa del centro. Sono originaria di Cellese, una località nella frazione di Colle Piscioso. Dopo il matrimonio sono andata ad abitare poco distante, a Zompatori. Abbiamo avuto quattro figli. Il primo, Nino, è morto qualche anno fa. Poi sono arrivati due gemelli, Paolo e Maria, che ora hanno settanta anni. Infine, è arrivato Umberto che ora ha 61 anni. Ho otto nipoti e cinque pronipoti».

Ma Ersilia ha un ottimo rapporto anche con le nuore e i nipoti acquisiti, con loro scherza e si diverte nel guardare sullo smartphone i video che la ritraggono. Del suo matrimonio ricorda i momenti felici, quando suo marito suonava l’organetto e lei ballava. Sebastiano è morto nel 2004 e da allora le i vive con suo figlio Paolo. «Siamo orgogliosi e onorati di avere come nostra concittadina Ersilia – ha detto il sindaco Enzo Perciballi nel rinnovare gli auguri a lei e alla sua famiglia -. Con la sua saggezza, la sua lucidità e la sua esperienza di vita, ha tantissimo da insegnare alle nuove generazioni».

Ti potrebbe interessare

Back to top button