CRONACA

Frosinone, la radeca e Championnet da palazzo Munari. Carnevale in piccolo, ma sentito

«La tradizione antichissima del Carnevale frusinate è ripresa quest'anno in sicurezza, in forma minuta ma profondamente sentita», ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani.

Il Carnevale storico frusinate, anche quest’anno, ha regalato gioia e sorrisi (arricchiti da una sana dose di goliardia) a tutti coloro che hanno partecipato ai festeggiamenti, in sicurezza, organizzati come di consueto dall’associazione culturale Rione Giardino e dalla Pro Loco, di concerto con l’amministrazione comunale, in piazzale Vittorio Veneto.

La celebrazione è iniziata poco dopo le 14.30. Alla presenza di Championnet, collocato al centro della piazza, e della banda Romagnoli, il sindaco, Nicola Ottaviani, accompagnato dai figuranti storici e dal personale della polizia municipale (che, in alta uniforme, sorreggeva il Gonfalone), ha brandito la radeca dal palazzo comunale, dando il via ufficiale ai festeggiamenti.

«La tradizione antichissima del Carnevale frusinate è ripresa quest’anno in sicurezza, in forma minuta ma profondamente sentita – ha dichiarato il sindaco di , – La città di Frosinone – in collaborazione, come sempre, con l’associazione culturale Rione Giardino e la locale Pro Loco – non poteva certo rinunciare alla riapertura ‘al sorriso’, con una festa che, seppur in modo diverso, prosegue nel solco tracciato, quello della riscoperta culturale delle radici che compongono la “ciociarità”, un insieme di valori di cui i ciociari, sia di nascita che di adozione, sono fieri portatori. Il grande valore storico del nostro Carnevale – inteso, anche, come elemento insostituibile dell’identità di una intera comunità – resta intatto soprattutto in questi tempi difficili, in cui celebriamo, insieme, le sorti di Championnet che, a differenza di altri, è un generale di pace, uno dei pochi generali che ripudiano la guerra».

Back to top button