NOTIZIE

Frosinone, potature e manutenzioni arboree in parchi e giardini

Per quanto riguarda il rinnovo soprattutto delle alberature stradali, si sta effettuando una precisa progettazione e programmazione, scegliendo le specie arboree in funzione dello spazio disponibile, sia epigeo che ipogeo.

Proseguono gli interventi di manutenzione, ordinaria e straordinaria, sul patrimonio arboreo dell’ente, programmati dall’amministrazione Ottaviani mediante l’assessorato all’ambiente, coordinato da Massimiliano Tagliaferri. Tra la fine dell’anno scorso e i primi mesi del 2022, dunque, sono in corso le operazioni che prevedono la potatura di circa 135 piante di diversa grandezza (tra cui platani, tigli, pioppi, robinie) presenti nei giardini, nelle scuole e lungo le strade di tutta la città.

Continuerà, inoltre, senza sosta l’attività di monitoraggio di tutti gli esemplari del territorio comunale, allo scopo di contribuire a valorizzare ulteriormente l’ornato cittadino e il decoro dei beni pubblici comunali oltre che il profilo della sicurezza. Qualora dovesse rendersi necessario l’abbattimento per motivi legati alla sicurezza o a causa di malattie riscontrate nella pianta stessa, l’elemento sottratto al patrimonio arboreo sarà sostituito da un’altra essenza arborea che sarà piantumata nel territorio comunale, assicurando così un numero costante e invariato di alberi in tutta la città.

In particolare, l’ufficio comunale coordinato dall’agronomo dott. Giuseppe Sarracino, fa sapere che una delle fasi del piano di gestione delle alberature consiste proprio nella compensazione di quelle piante abbattute perché instabili e pericolose o arrivate a fine ciclo vegetativo. Non necessariamente gli alberi saranno messi a dimora nello stesso sito: l’importante è compensare la massa vegetazionale abbattuta.

Per quanto riguarda il rinnovo soprattutto delle alberature stradali, si sta effettuando una precisa progettazione e programmazione, scegliendo le specie arboree in funzione dello spazio disponibile, sia epigeo che ipogeo. Per ogni albero scelto, dunque, occorre considerare le interazioni con il traffico veicolare, con la permeabilità del substrato, con i sottoservizi, con gli arredi, e con le possibili opere che i manufatti dovranno subire per essere mantenuti in efficienza.

Tali interventi di messa a dimora interesseranno la scuola Aldo Moro, il Campo Coni, il Parco delle Colline e alcune strade. All’interno del Parco citato, nello specifico, è programmata la messa a dimora di esemplari di Liquidambar styraciflua, uno dei più eleganti alberi a foglia caduca; Pyrus calleryana ‘Chanticleer’, albero a foglia caduca di medie dimensioni, che forma naturalmente una chioma slanciata, ovale, molto regolare. E poi, ancora, saranno piantumati esemplari di Cornus florida, alberello di taglia medio-piccola, con tronco abbastanza corto e chioma tondeggiante, ampia e molto ramificata, che in primavera, contemporaneamente alle foglie, produce vistose infiorescenze.

L'informazione locale ha un costo che non è sostenibile solo con la pubblicità. Clicca qui per aiutare con una donazione Ciociaria24: il tuo contributo (anche piccolo) può fare la differenza!
Back to top button