NOTIZIE

La DMO Francigena del Sud inizia il suo cammino

Martedì 25 gennaio ad Albano Laziale, “autografi” ricchi di entusiasmo hanno sancito la nascita della D.M.O FRANCIGENA DEL SUD. I Comuni di Albano Laziale, Castel Gandolfo, Cori, Formia, Marino, Monte San Biagio, Nemi, Norma, Priverno, Sermoneta, Sonnino e Velletri fanno quadrato per lo sviluppo turistico a Sud di Roma.

Davanti al notaio Daniele Poltronieri, nella dimora di Palazzo Savelli, tra gli amministratori dei territori attraversati dalla Francigena, i Comuni di Albano Laziale, Castel Gandolfo, Cori, Formia, Marino, Monte San Biagio, Nemi, Norma, Sermoneta, Sonnino e Velletri, ed altri Enti e Associazioni, tra cui il Gruppo dei Dodici, che si aggiudica la Presidenza, il Comune di Priverno, firmando, ha dimostrato ancora una volta di guardare alla città che si ama con lungimiranza.

Opportunità strategica

Il Vice Sindaco, Antonio Ines, soddisfatto abbraccia questa nuova opportunità, definendola “strategica per lo sviluppo turistico, perché insieme, si può ancor meglio valorizzare e rendere unico quanto si ha, guidando il suo sviluppo il più lontano possibile”. Anche l’Assessore Quattrociocche la ritiene “Una sfida che andava colta senza esitazioni, in un periodo storico complesso che ha la necessità di guardare avanti con lungimiranza, pensando al settore turistico come un’opportunità di crescita economica per tutto il territorio, puntando ad obiettivi primari quali la destagionalizzazione turistica, la conquista di nuovi flussi, la valorizzazione e promozione della città considerati i suoi attrattori culturali, artistici, archeologici, storici, naturalistici, religiosi ed enogastronomici. Grazie al finanziamento ottenuto dalla Regione e, oggi, a seguito della sua costituzione, alla D.M.O (Destination Management Organization) si potrà potenziare questo antico cammino, che da sempre guida i pellegrini tra e le coste pugliesi verso Gerusalemme, rendendolo uno snodo di grandi opportunità di sviluppo socioculturale ed economico di tutto il territorio. Un’opportunità che non potevamo perdere.”

L'informazione locale ha un costo che non è sostenibile solo con la pubblicità. Clicca qui per aiutare con una donazione Ciociaria24: il tuo contributo (anche piccolo) può fare la differenza!
Back to top button