CRONACA

“Primae Inter Pares”, edizione 2021: al Castello Ladislao premiate illustri donne del nostro territorio

Questa volta l'ormai tradizionale evento curato dall'Associazione SOS Donna si è svolto nella suggestiva cornice dell'antico edificio arpinate.

Si è svolto nei giorni scorsi, presso il Castello Ladislao di Arpino (FR) l’annuale evento dell’Associazione SOS Donna – Centro d’Ascolto, “Primae Inter Pares”, patrocinato dal Comune di Arpino, dalla Fondazione Umberto Mastroianni, dall’AIPES e dal Consorzio del Cassinate.

L’evento che ormai da sette anni, se si considera anche l’edizione speciale tenutasi in via privata lo scorso anno causa Covid 19 presso Villa Gerardo in (FR), vede l’Associazione premiare le donne del territorio che si sono contraddistinte per meriti umani, professionali, sociali, politici, sportivi e culturali.

Nella splendida cornice del Castello, quest’anno sono state premiate donne illustri tra cui il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, Dott.ssa Marina Marra, riferimento nella lotta giudiziale contro ogni forma di violenza di genere, della docente universitaria Prof.ssa Fiorenza Taricone, faro della conoscenza del fenomeno femminile e del contrasto alla discriminazione, la dirigente assistente sociale presso l’ASL di Frosinone, la Dott.ssa Nisia Lucchetti, riferimento imprescindibile per ogni soggetto che opera all’interno del terzo settore, la consigliera regionale Dott.ssa Sara Battisti, politica sensibile ed attenta all’abbattimento di qualsivoglia disuguaglianza sociale.

Importante, visto il momento storico-sanitario che viviamo è stato il riconoscimento del lavoro irreprensibile svolto dalle imprenditrici della RSA “Salus”, Serena Salvati e Giovanna Paniccia che hanno dedicato il premio ricevuto a tutto lo staff della RSA da loro diretta.

Emozionante è stata di certo la consegna del premio, condotto dal brillante Tonino Bernardelli, alle sorelle Rezaie, fuggite dall’Afghanistan dopo il violento insediamento dei talebani, nonché alle referenti della COOP Frosinone, ex lavoratrici che, licenziate e rimaste prive di lavoro si sono ricostituite e divenute imprenditrici di se stesse.
Ed infine, ma non per ultima, l’affascinante storia della violinista del Teatro dell’Opera di Roma, Meri Iafrate, oggi coltivatrice di lavanda, dimostrazione della capacità femminile di cambiare e reinventarsi e della A.D.S. VIS Calcio 07, perla sportiva del Basso Lazio, rappresentata dal Capitano Serena Cicchini, le cui parole hanno trasmesso il profondo senso di valori e moralità che ogni sportivo dovrebbe apportare alla società.

L’evento, che ha omaggiato Dante nel settecentesimo anno dalla morte, con l’intervento teatrale della talentuosa attrice Sara Paone, che si è concluso con un momento conviviale tra gli ospiti, a cura dell’Istituto di Istruzione Superiore Cesare Baronio e dei suoi studenti, ha visto un importante riscontro di pubblico ed è esempio costante dell’attività di sensibilizzazione, ascolto e prevenzione che l’Associazione SOS Donna, svolge sul territorio ormai da oltre 8 anni.

Back to top button