CRONACA

Tre arresti per estorsione

L'operazione svolta dai Carabinieri di Cassino e Atina.

«Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Sezione Operativa di e quelli della Stazione di Atina, hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di nei confronti di due uomini, di 46 e 40 anni, domiciliati all’Aquila e a Lenola (LT), uno dei quali ben noto alle Forze dell’Ordine, ai quali vengono contestati i reati di estorsione, danneggiamento, minacce e lesioni.

I militari, a seguito di una serrata attività investigativa coordinata dalla Procura della città martire e scaturita dalla denuncia della vittima – spiega il Comando Provinciale dei Carabinieri di nella nota stampa divulgata stamani – sono riusciti in breve tempo a far luce su un tentativo di estorsione posto in essere da due individui nei confronti di un 48nne di Atina. In particolare, i soggetti minacciando gravi ritorsioni, tentavano in più occasioni di farsi consegnare una cospicua somma di denaro. Al rifiuto, dopo le intimidazioni, sono passati alle vie di fatto. Infatti, nella serata del 3 agosto, in una pubblica via del noto comune delle Mainarde, dopo averli dapprima minacciati verbalmente anche di morte facendo ricorso all’uso di armi, colpivano ripetutamente in più parti del corpo con mazze di legno il denunciante, l’anziano padre e la convivente, costringendoli a dover ricorrere alle cure dei sanitari per le importanti lesioni riportate.

I Militi, facendo ricorso alle tradizionali tecniche investigative, hanno raccolto elementi probatori tali da formare una solida piattaforma indiziaria a carico degli indagati, confluita nel procedimento penale instauratosi presso la Procura di Cassino. Il Pubblico Ministero, condividendo le risultanze cui sono giunti i Carabinieri, in considerazione delle modalità del fatto e presupponendo elevato pericolo, attuale e concreto, di reiterazione del reato, ha richiesto idonea misura cautelare emessa dal G.I.P. che ha disposto gli arresti domiciliari. L’attività eseguita dai Carabinieri del N.O.R.M. di Cassino – conclude la nota dei militari – si va ad aggiungere ai numerosi risultati conseguiti nel contrasto ai reati contro la persona e il patrimonio, del Comando Provinciale di Frosinone».

Ti potrebbe interessare

Back to top button